Come Approcciare una Ragazza Nonostante la Paura

Ti è mai capitato di voler approcciare una ragazza solo per ritrovarti bloccato dall’ansia?

Come Approcciare una Ragazza Nonostante la Paura

La vedi, lei ti piace, è stupenda.
Vorresti davvero andare a parlarle. Chi lo sa, magari le piaci anche.

Però….in un attimo realizzi di provare una forte ansia e di sentirti bloccato. Senti di aver paura di andare a parlarle.

Esiti un attimo, e questa sensazione si fa più forte.
Niente, proprio non riesci a trovare la spinta per superare questo scoglio emotivo e andare a parlarle.

In questo articolo ti spiegherò come approcciare una ragazza nonostante questa paura. Finalmente potrai smettere di pensare “non riesco a parlare con le ragazze” e potrai iniziare a conoscere le donne che ti piacciono.

La Paura è un’Emozione Importante

Nessuno ti ha mai spiegato che la paura è stata una delle emozioni più importanti per la sopravvivenza della specie umana.
È grazie alla paura che i nostri antenati sono riusciti a sopravvivere a situazioni sfavorevoli.

La parte più importante di tutte è che la paura è una forza motrice enorme.
Nel passato la paura ti faceva correre più velocemente per sfuggire alle bestie selvagge per esempio.
Oggi giorno, essa ha perso gran parte del suo ruolo originario eppure continua ad avere gli stessi effetti su di noi, il chè la rende una cosa estremamente positiva se sai come usarla.

Pensa che la paura è così potente che può creare anche dipendenza. Hai presente gli sport estremi e i film thriller?

Ecco, questa è la parte più importante in assoluto: la paura è una cosa positiva.
Ma devi saperla canalizzare nel modo giusto.

Vediamo come questo si ricollega alla seduzione e come ti possa tornare utile per conoscere una ragazza.

Come Approcciare una Ragazza Nonostante la Paura

Proprio perché la paura è una forza motrice molto potente, essa è l’emozione ideale per approcciare una ragazza.
La paura che provi NON deve fermarti, deve spingerti all’azione.

La paura scatena una cascata ormonale che può bloccarti o spingerti all’azione. La scelta di come usarla sta a te.

Il segreto sta nell’abbracciare la paura ed agire grazie ad essa.

Se rifiuti di ascoltare la paura essa crescerà e ti bloccherà. Se invece la ascolti e la accetti, essa si placherà e diventerà perfino una sensazione piacevole.
La classica scarica d’adrenalina che chiunque abbia mai fatto uno sport estremo conosce molto bene.

Infatti, la similitudine tra gli sport estremi e gli approcci a freddo è stata osservata più volte. La scarica di adrenalina che queste due cose danno sono molto simili…ed è addirittura emerso che gli approcci a freddo causino ancora più dipendenza perché rilasciano degli ormoni coinvolti nelle dinamiche sociali…ma questa è un’altra storia!

A Cosa è Dovuta la Paura di Approcciare una Ragazza

L’ansia d’approccio, quella paura che provi prima di andare a parlare con una donna ha origini molto antiche.

Essa non rappresenta una paura delle ragazze, contrariamente a quanto molti credano, ma deriva dal fatto che alle origini dell’umanità approcciare una donna poteva realmente rappresentare un pericolo per la vita di uomo.
Se un uomo avesse approcciato la donna del capotribù senza saperlo, probabilmente avrebbe perso la vita poi. Analogamente se avesse approcciato la donna di un’altra tribù: si potevano scatenare delle guerre…e non era una buona cosa.

In realtà non c’è nemmeno bisogno di tornare ai tempi delle tribù. Ti basti pensare alla Guerra di Troia che è stata scatenata per una donna!

Oggi giorno questa paura è praticamente infondata. Se approcci una donna nessuno verrà a dichiare guerra alla tua famiglia 🙂
Magari evita quelle situazioni chiaramente pericolose, come l’approcciare la donna di un poco di buono mentre è con lui 🙂

Dopo centinaia e centinaia di approcci posso dirti che non ho mai nemmeno fatto a pugni in seguito ad un approccio a freddo. E lo stesso vale per i miei amici. A patto di seguire il buon senso, approcciare ragazze è totalmente sicuro.

Perché Approcciare una Ragazza Nonostante la Paura Ti Rende Più Forte

Trovare coraggio per approcciare una ragazza è qualcosa di molto utile per il tuo miglioramento personale, oltre che un vero toccasana per migliorare come seduttore.

Innanzitutto perché spesso le cose di cui abbiamo paura sono quelle che più dobbiamo fare. Fare una cosa che ti fa paura ti fa crescere come persona.
Ricordo ancora il mio primo viaggio negli USA completamente solo. Sono stato intimorito dall’idea di fare un viaggio transoceanico da solo per un bel periodo della mia vita, ma alla fine ho trasformato la paura in eccitazione per l’avventura e sono passato all’azione.
Quello è stato uno di quei viaggi che mi ha cambiato radicalmente la vita.

E poi è importante approcciare una ragazza nonostante la paura perché la cosa ti fa sviluppare coraggio, che come sai è una caratteristica cruciale per un uomo. E le donne sono decisamente attratte da un uomo coraggioso.

Infine, sviluppare l’abitudine di approcciare nonostante la paura ti farà fare molti passi in avanti come seduttore.

Tocca a Te

Cos’è che ti blocca nell’approcciare una ragazza?
Parliamone nei commenti.

Mauro D’Andrea

Comments

  1. Damiano says:

    Grande articolo Mauro!
    È vero: approcciare anche quando si ha paura aiuta a crescere.
    Poche sere fa avevo paura di approcciare due ragazze ma mi sono fatto coraggio e sono andato da loro. È stato un approccio del cavolo e infatti ho fatto una figuraccia, ma mi ha spezzato quel flusso negativo e fatto in parte superare una mia credenza depotenziante: quella di ‘dover piacere a tutti ad ogni costo’.
    In più, dopo un’esperienza del genere, mi sento sollevato perché penso: ‘male che vada faccio una pessima figura, ma non muore di certo nessuno’.
    Ho appena iniziato il mio cammino, non pretendo nulla se non crescere per raggiungere risultati quanto prima possibile.
    Spero che questo mia testimonianza possa essere utile agli altri lettori

    • Grazie, Damiano.
      Sono sicuro che sarà d’aiuto 😉

    • Andrea says:

      Ciao Mauro, io ho un pò il problema opposto a quello classico: mi mette ansia l’approcciare una ragazza che già conosco e che abitualmente frequenta le mie cerchie. Se mi trovo nella condizione di approcciare una ragazza che non ha nulla a che fare con me e con la mie cerchie sociali, non ho alcuna paura anzi sono molto rilassato e aperto, specialmente se sono io a farmi avanti! Il problema nasce quando la ragazza in questione ha a che fare con le persone che frequento tutti i giorni, e sopratutto nel caso in cui sia lei a mostrare per prima pubblicamente il suo interesse nei miei confronti. So che sembra del tutto irrazionale, ma è come se sentissi tutta l’attenzione degli altri addosso a me e al modo con cui interagisco con la ragazza in questione…come se qualcuno stesse li a giudicare tutto ciò che faccio. E questo mi mette ansia e mi fa agire in modo innaturale. Hai qualche consiglio in merito?

      • Ciao Andrea, guarda che questo è normale 🙂
        Le donne che conosci o con cui hai delle conoscenze in comune non vanno approcciate (o almeno, non secondo la concezione comune di approccio).

  2. Shadow says:

    L’articolo è interessante, e ciò che hai scritto è vero da una parte, ma dall’altra io personalmente penso che l’ansia d’approccio sia data sopratutto dal fatto che se vieni rifiutato da diverse ragazze (ho approcciato diverse volte a freddo e ne so qualcosa) e continui ad approcciarne sempre di più, ti crei inevitabilmente una reputazione da “perdente” o “sfigato” che dir si voglia… oltretutto ti porta in alcuni casi a situazioni imbarazzanti, se per caso incroci una tipa precedentemente approcciata che magari è pure con delle amiche e quindi a sua volta lo riferirà a queste ultime (peggio ancora se te la presentano delle persone che già conosci… che figura di cacca!). In questo modo se poi magari tenti di approcciarle ti sei già bruciato prima ancora di partire. Tutt’ora anche se in modo saltuario lo pratico da 2 anni ma 0 risultati. Penso che per poterlo praticare prima di tutto bisogna essere persone che nella loro vita abbiano fatto tante cose: viaggi, esserne usciti vincenti da molte situazioni in diversi campi della vita. Questo poi si tradurrebbe in un linguaggio aperto e genuino non solo a livello di body language ma anche verbale e paraverbale. Se uno ha l’ansia addosso ma si forza di andare e rimane “tremolante” sente freddo addosso e gli viene quasi una sensazione di mal di stomaco, per me non può e non deve. Un peso importante ce l’ha sicuramente la location, io per esempio vengo dalla provincia di Cagliari e vi assicuro che li è un impresa incredibile! Non a caso me lo ha confermato un Piemontese, e a nord si sa che le donne sono più aperte. Quando approccio la maggior parte mi guarda con disgusto e dall’alto verso il basso, il miglior e unico risultato che ho avuto in 2 anni (tra l’altro nel primo anno in cui ho cominciato) è stato il seguente: Lei: (Ti ammiro per esserti fatto avanti ma non posso). Quindi direi che l’approccio a freddo diretto puro è sicuramente il migliore perchè se riesce evita da subito di stare su piani più superficiali, ma credo sia una sorta di “mito” col quale riescono nell’intento poche persone che hanno un background non indifferente, piene di se e possibilmente di bella presenza. Infine concludo scusandomi per l’eccessiva lunghezza del messaggio (forse parlo o scrivo un po troppo) … 🙂 ma l’argomento è così interessante che non riesco a starmene zitto 😀 . Ad ogni modo grazie per gli articoli, e i vari contenuti sempre interessanti 😉

    • La seduzione non è facile, l’ho sempre detto. E fare approcci a freddo consistentemente richiede gran coraggio e voglia di migliorare.

      Il mio background faceva schifo, non sono sicuramente di bella presenza e non ero molto sicuro di me con le donne…eppure questo “mito” l’ho conquistato.
      Se vuoi qualcosa la ottieni, il resto sono scuse.

      Grazie, sono contento che ti piaciano i miei articoli 🙂

      PS: se non hai avuto risultati in 2 anni, magari ne possiamo parlare privatamente. Mandami un’email.

      • gabriele says:

        Io invece avrei un altro problema:ne vorrei però parlare in privato.

        • Ciao Gabriele, ultimamente non sto facendo più consulenze, però ogni tanto posso fare un’eccezione. Se sei interessato, scrivimi un’email e ti spiego le modalità.

  3. Andrea says:

    ciao, mi chiamo andrea ho 21 anni, ho letto il tuo articolo che riguarda come approcciare le ragazze, mi piacerebbe se riuscissi a darmi qualche consiglio in più, io esco molto spesso vado in discoteca più volte a settimana (2 o 3 volte) se solo avessi le palle avrei occasioni a bizeffe ma non è così, è più forte di me! le poche occasioni che ho avuto è perchè sono state loro a venire a conoscermi, contattandomi su facebook o mandando un amico a dire che interessavo a loro, ma questa fortuna mi capita molto di rado e solitamente quando arrivano loro non rispecchiano pienamente i miei gusti, perciò vorrei essere io a fare il primo passo, spesso mi convinco dicendo: stasera ce la farò ecc.. e poi alla fine non combino niente e questo mi fa rimanere male, anche perchè x l’età che ho non ho avuto gran esperienze a parte qualche limonata (mi consolo, ce chi non ha avuto nemmeno questo ahah) quindi vorrei darmi un pò da fare, non sono nemmeno brutto anzi, non avendoci provato quasi mai spudoratamente non so nemmeno se per le ragazze sono un bel tipo o no, io mi reputo un bel ragazzo, ho una buona autostima di me, però quando è l’ora di approcciare ho un blocco, ho paura forse di fare brutta figura e/o di cominciare nel modo sbagliato a parlare,mi faccio molte pare mentali, oltre alla timidezza sarà anche un pò l’orgoglio infatti il fatto che io ci debba provare e lei che può tranquillamente rifiutarmi e tirarsela perchè sa che qualcuno gli va dietro non mi va molto a genio, non so se mi spiego,;a volte mi chiedo se in discoteca convenga inziare approcciarle da dietro o parlarci in pista, o puntare principalmente a parlarci ai bordi fuori pista, i primi tempi riuscivo a ballare dietro le ragazze anche se è il metodo più brutto per me era il più facile, ora non riesco più nemmeno così!! frequento spesso lo stesso locale,a volte cambio anche,comunque ecco ti ho raccontato un pò di me, se sai dirmi come posso fare a superare le paure e come potrei iniziare un discorso o un approccio mi faresti un gran piacere, inoltre volevo chiederti tu come hai iniziato ad approcciare le prime volte se avevi anche tu queste difficoltà e in che modo le hai superate, se quindi puoi raccontarmi anche un pò di te 🙂 attendo risposta grazie mille!!

  4. Andrea says:

    grazie, quando hai un pò di tempo se puoi leggere quel che ho scritto, anche solo la parte finale in cui ho scritto come hai iniziato te a migliorare , se anche tu avevi queste difficoltà ecc. ti ringrazio molto 😀

    • A tutti capita di farsi mille problemi nella propria testa 🙂
      Sai come ho risolto? Sono andato ad approcciare e tutte le paranoie nella mia testa sono scomparse. Funziona al 100%.

  5. Davide says:

    Ciao,
    Volevo chiederti se potevi trattare un argomento che mi sta molto a cuore, cioé sedurre una donna molto piú grande. Alcune dritte a partire dall’approccio e poi tecniche magari piú efficaci con questo tipo di donne e comportamenti da attuare per risultare piú attraenti. Credo che le tecniche siano generalizzabili, ma riscontro alcune difficoltà nell’approccio e non capisco se siano dovute alla mia scarsa pratica o a una loro reazione al divario d’età. Io personalmente in generale credo di piacere molto a loro, ma le storie che ho avuto sono nate in cerchie sociali o ambiente lavorativo o chat, mai approccio a freddo…vorrei fare il salto di livello 🙂

    • Ciao Davide, in genere con le donne più grandi è meglio andare più diretti.
      Ne hanno passate abbastanza da essere stanche di giocare, quindi se hanno voglia di divertirsi te lo fanno capire subito…in caso contrario ti fanno capire subito che non ne hanno voglia.

  6. Federico says:

    Io ho paura ad approcciare anche le mie coetanee (18 anni) perchè parto gia con il presupposto di un rifiuto. E da li mi blocco, e quindi non faccio piu nulla, entro solo in una depressione interiore. Perchè questa paura mi divora, e quindi appena vedo una ragazza che mi può piacere, non faccio niente per una paura di rifuto, non le scrivo nemmeno sui scoail network.

  7. Francesco says:

    Gran bell’articolo Mauro,
    di recente ho cominciato a leggere approfonditamente il tuo sito,ti confesso che mi aspettavo si trattasse di una scopiazzata tradotta in italiano di qualche altro ”big” della community, invece sono rimasto piacevolmente sorpreso dalla mancanza di ”gimmicks” e giochetti in favore di un’approccio che tende a plasmarsi in base a colui che lo usa.
    Mi piacerebbe aggiungere una cosa : frequentando l’università,ho scoperto che uomini e donne alla stessa maniera, dal Nord al Sud, sono solitamente più che contenti di avere qualcuno con cui attaccare bottone.
    Sembrerà contro-intuitivo, ma ho la sensanzione che una donna ”tifi” per te mentre l’approcci nella speranza che tu sia l’uomo che lei sta cercando.
    Che ne dici ? Condividi il mio parere ?
    Continua il buon lavoro 😉

    • Grazie Francesco.

      Si, se sei il suo principe azzuro non credo che le dispiaccia 🙂

      • Francesco says:

        E anche vero che le donne sono disposte anche ad ”accontentarsi” se sei ”buono abbastanza 😉
        Sai Mauro, l’altro giorno ho letto un sondaggio secondo il quale il 92 % delle donne si accontenti di un altro parten se quello che le attrae non mostra segni d’inderesse o perda troppo tempo a , ti prego di perdonare il plagio , ”mandare avanti le cose ” 😛

  8. Cristian says:

    Io personalmente ho il problema d rompere solamente il ghiaccio poi vado liscio come un treno

  9. Andrea says:

    Ciao Mauro!
    Gran bell’articolo, davvero.
    Il mio problema è che spesso (per non dire sempre) quando voglio parlare con una ragazza, anche solo tramite chat, mi assale il pensiero di quello che potrebbe pensare lei. Allora mi blocco perché, dovendo portare avanti la conversazione ho timore di fare una brutta figura.

    • Ciao Andrea, pensaci: ti importa davvero di quello che pensa una ragazza che non rivedrai mai più in vita tua? O ancora di più, quello che pensa una persona che non incontrerai mai in vita tua?

      Lanciati, e dopo 4-5 volte vedrai che non è nulla di così male 🙂

  10. Angelo says:

    Ciao Mauro, volevo confessarti un mio piccolo problema.
    ogni volta che devo conoscere una ragazza (non approcciarla), mi viene una paura incredibile. la sensazione è quella di provare un ansia e una paura costante 24ore su 24, rimango come dire.. ossessionato da questa paura ed ogni volta finisce che quando cerco di farmi avanti ecc, prendo sempre dei no.
    in passato feci vari approcci a freddo ottenendo un buon risultato, ma il problema qui è diverso.. un conto è fare della pratica, un’altro invece e conquistare chi ti piace veramente. il mio problema va avanti ormai dalla mia adolescenza e non so proprio come superarlo, soprattutto ora che ho intenzione di risentire una ragazza.. e solo all’idea di non sapere cosa fare o di prendermi un’altro no mi fa provare questa orrenda sensazione di paura costante (che non mi permette ne di studiare o lavorare) che mi fa stare malissimo e mi costringe a rimanere solo per stare sereno.
    avresti dei consigli da darmi a riguardo?, premetto che questa ansia ossessiva mi succede sempre ed oni volta se devo conoscere una ragazza che mi piace veramente. grazie in anticipo per la tua gentile risposta

    ps. in passato provai qualche seduta psicoanalitica ma senza risultati, ecco perchè ora cerco altre risposte. grazie in anticipo

    • Ciao Angelo, questo succede perché ti focalizzi sulle esperienze di riferimento che ti causano dolore invece che su quelle che ti causano piacere.

      Sforzati di focalizzarti sui successi che hai avuto e vedrai che piano piano questo problema si indebolirà molto.

      Se ti interessa, ci possiamo vedere dal vivo e posso aiutarti nel processo. Nel caso mandami un’email.

  11. alex says:

    Ciao Mauro,
    io sono in una situazione molto particolare di cui vorrei parlarti, e purtroppo non riesco proprio a trovare il coraggio.
    Mi piace tantissimo una ragazza che abita nelle mie zone ma che di persona non conosco minimamente(solo di vista) e non ho nessun amico in comune.
    Grazie a varie ricerche tempo fa sono riuscito a trovare il suo profilo fb ma non ho mai avuto il coraggio di aggiungerla, uno perchè non sono uno che aggiunge persone a caso e due perchè non saprei minimamente cosa dirle, chi sono e come l’ho trovata.
    Da quanto ho potuto capire(visto che spesso dò un’occhiata sul suo profilo) è stata impegnata con una persona per vari anni ma da a occhio direi che da circa un’annetto o poco più è single, e sta soffrendo tanto non so per quale motivo, forse mancaza di amore.
    Sia io sia lei non siamo più dei ragazzini(entrambi sui 24/25 anni circa), ma io non sono mai stato bravo ad approcciare.
    In ogni caso vorrei avere la possibilità di conoscerla e anche se magari non andrà bene, almeno me ne farò una ragione.
    E’ vero, di questa ragazza non so nulla, e probabilmente aggiungere una sconosciuta è più un azzardo che altro, ma sento dentro di me che per questa ragazza vale la pena di fare un tentativo, non ti so spiegare perchè è una sensazione.
    Spero in qualche tuo utile consiglio.
    Grazie e buona giornata!

    • Alex, si vive una volta sola 🙂
      Però, prima vedi se riesci a fare qualcosa dal vivo.

      • Alex says:

        Mauro, hai ragione sul fatto che si vive una volta sola, ma sai forse meglio di me che in questi casi un conto è parlare, un’altro è agire.
        A volte(ma molto raramente) mi capita di vederla alla fermata dell’autobus, ma purtroppo io ho qualcosa a livello mentale che mi blocca e che mi ha sempre dato problemi nell’approccio iniziale.
        Insomma non saprei proprio cosa dire, senza risultare banale o inopportuno.
        Sarei felice di avere qualche consiglio migliore del semplice “si vive una volta sola”.
        Grazie 🙂

        • Normale, hai un conflitto interiore: il tuo cuore vorrebbe partire, ma la tua mente trova delle tue scuse e senti un blocco alla pancia.
          Non è difficile superarlo…ma non si riesce a spiegare in 2 righe.

          Sul cosa dire non hai scuse, hai un’intero sito per trovarlo 🙂

  12. Paolo says:

    Ciao Mauro, innanzitutto complimenti per il bellissimo sito! Ti scrivo perché avrei veramente bisogno di capire una cosa: cosa mi consigli di fare per conquistare una ragazza che difficilmente incontro? Ti spiego: un mese fa, ho incrociato questa ragazza che mi è piaciuta da subito tantissimo. Mi sono ripromesso che se l’avrei rivista sarei andato a presentarmi e qualche giorno fa l’ho incontrata per caso in un locale! Sono andato da lei, abbiamo parlato un po’ di cose generiche e tutto… Perfetto, se non fosse che tutto ciò è successo a pochi minuti prima della fine della serata e lei stava per andarsene (o meglio, la sua amica a fianco la pressava tipo “ehi dai andiamo…” Ecc). Il problema è che tra l’averla notata all’ultimo, la fretta di uscire dalla discoteca e l’amica che stava andando via non ho fatto in tempo a proseguire un dialogo decente o a chiederle il numero e ora non so quando la rivedrò. Cosa mi consigli di fare in generale? Grazie mille sono sicuro che saprai aiutarmi 🙂

  13. Angelo says:

    Ciao Mauro!
    ho letti il messaggio e devo dirti che in questo periodo sto capendo che realmente si vive una volta sola ed è giusto che noi ci mettiamo in gioco per il nostro bene, così ho deciso di prendere tutto alla leggera e di buttarmi.
    voglio chiederti un parere per una situazione con una ragazza.

    da qualche mese c’è nel supermercato del mio paese una ragazza nuova una mia coetanea ventenne che lavora alla cassa, non so minimamente chi sia, ed essendo in un supermercato puoi ben capire che ci va un sacco di gente, perciò avevo in mente di fare così..
    1. andare al supermercato verso l’orario di chiusura (c’è meno gente)
    2. prendere una scatola di cioccolatini
    3. andare alla sua cassa, pagarla, e infine dirle che sono per lei (e poi le chiedo come si chiama ecc)
    ahaha cosa ne pensi?

    una mia amica mi consigliò invece di scrivere sopra la scatola il mio numero di cel così se è interessata mi richiamerà, ma ho dei dubbi facendo così. nessuno dei miei amici sa chi sia e so soltanto che lavora li
    aspetto un tuo prezioso consiglio! ciao e complimenti per la tua pagina 🙂

    • Ciao Angelo, interagiscici un po’ alla volta, più volte. Magari una volta ci scambi una battuta, un’altra volta le chiedi “come va?”, ecc…

      • Angelo says:

        eeeehhh io farei così Mauro.. ma sfortunatamente non è la situazione piu adatta proprio perchè essendo alla cassa non si può interagire chissà quanto 🙁
        invece per il biglietto che dici?

        • 30 secondi ce li hai sempre.
          Un mio amico fa sempre colpo sulle addette dei supermercati e fa così.

          Il biglietto è un “o la va o la spacca” con poche possibilità di riuscita.

          • camillo says:

            Un biglietto con un piccolo messaggio e il numero di telefono. Senza cioccolatini. Passi in cassa e glielo lasci… se non funziona, pazienza. Di donne ce ne sono tante

  14. Matteo says:

    Ciao ho 14 anni
    Nella mia scuola ce una ragazza molto carina e vorrei conoscerla. Io sono timido e nm sono il tipico ragazzo che piace alle ragazze, sono abbastanza riservato e possiamo dire anche “sfigato”. Pero vedo che anche lei e abbastanza riservata e timida tranne che con qualche sua amica. Vorrei conoscerla pero nn so cosa dirle. Io pensavo tipo di vedere quando era sola e dirle ” ciao. Come va? Come ti chiami? Io sono Matteo. Sei nella classe davanti alla mia vero?? Che bello che e quasi finita la scuola. Pratichi qualche sport? Se dice si “bello interessante. Dove?? Qualche volta potrei venire a vederti. Poi io gioco a tennis. Cos hai la prossima ora?? Ah a proposito io ho una verifica devo andare a ripassare. Mi ha fatto piacere conoscerti. Ci vediamo ciao.”

  15. dino says:

    Ciao io ho un problema serio non riesco assolutamente a parlare con una ragazza. Mi faccio tanti viaggi e quindi esito sempre ormai sono 4 anni che sono single

    • Ciao Dino, bene, sai da dove iniziare. Prova a scambiare una parola con una raggazza. Mi raccomando, 1 SOLA (un ciao va benissimo), se provassi a fare di più rischi che non vada.

  16. marco says:

    Ciao, Mauro sono entrato oggi per caso nel tuo sito perché cerco un aiuto. Ho 18 anni, non ho mai avuto una ragazza perché sono sempre stato in cerca di una con diversi requisiti fondamentali, cioè di cercare una ragazza, si bella, ma che poi non avesse tutti i requisiti per me importanti non mi interessava. Lo scorso anno ho trovato la ragazza dei miei sogni a scuola mia, lei ha 3 anni meno. Mi sono informato su di lei e ha tutti i requisiti per me fondamentali. Avevo provato a scriverle su facebook ma lei non ha nemmeno letto il messaggio. Poi un’amica in comune mi aveva detto che lei non risponde ai maschi su facebook e inoltre è fidanzata da 4 anni facendo un po di prendi e lascia… allora poi niente volevo andarci dal vivo, ma ho un blocco, non riesco ad andarci. Lei ha 3 anni meno e quindi come cose poteva essermi a favore, ma poi è anche più alta di me di 3-4 cm. La cosa non mi dispiace perché le ragazze alte mi piacciono, però la cosa mi mette ancora più paura. Poi sta sempre con delle amiche e quindi non so come fare. A scuola spesso la incontro e spesso l’ho guardata negli occhi e lei ricambiava. Due giorni fa lei stava al bar di scuola, seduta e dava le spalle al corridoio principale e stava con le solite amiche quando io stavo percorrendo il corridoio con una mia amica e non c’era nessun altro. In quel momento una sua amica le dice qualcosa, lei si è girata mi ha guardato, io l ho guardata e ho mantenuto lo sguardo, lei ha fatto un sorriso e si è rigirata. Ecco ora dopo tutto questo voglio assoluta trovare il modo per parlarle. Vorrei andarci diretto e però volevo avere qualche consiglio su come sconfiggere questo blocco (dell altezza, del fatto che sta sempre con 3 amiche e del fatto che è fidanzata) e poterci provare lunedì nel caso in cui la incontrassi poiché mancano pochi giorni alla fine di scuola e poi io ho la maturità e quindi non la vedrei più. Puoi darmi qualche consiglio rapido? Qualche parola per infondermi un po di coraggio. Scusami per la lunghezza e ti ringrazio in anticipo.

    • Ciao Marco, il blocco te lo crei tu e puoi superarlo tu. Non sei vittima del blocco, sei il padrone del blocco, ne fai quello che vuoi. Rimuovilo e abbraccia la paura, senti che differenza che fa 😉

  17. camillo says:

    Vado in un tabacchino a comprare i gratta e vinci e da pochi giorni c’è una bella ragazza. .. come rompere il ghiaccio? Lei è molto riservata e io di poche parole. Potrei chiederle se lavora li da poco e poi? Non so che discorso fare! Consigli?

    • Ciao Camillo, falle qualche battuta quando vai lì e piano piano conoscila.

      • camillo says:

        Ciao Mauro. Prima mossa ok… sono andato li e mi sono fatto dare un gratta e vinci a sua scelta. Lho grattato li e avevo visto di aver vinto. Mi sono riavvicinato e le ho detto di aver vinto 1000 euro… si è fatta un sorriso e le ho detto ke scherzavo e le ho detto di controllarmi la scheda xche non avevo capito come funziona (bugia). Me l’ha spiegato. Domani ci rivado. Spero non mi prenda x un malato di gioco, vado li x lei… dalla battuta di oggi, cosa faccio? Le chiedo il nome e le dico di vederci per un caffè? Come comportarmi?

        • camillo says:

          La mia paura è che non sia li a sostituire ki è in ferie e magari rischio di non trovarcela più la settimana prossima

          • Ciao Camillo, chiederle il nome è ok, andare per il caffè è ancora prematuro, prima dovresti parlarci un altro po’.
            Chiedile se sta sostituendo qualcuno, semplice 🙂

          • camillo says:

            Ciao Mauro. .. le ho chiesto il nome… vedendo il suo profilo Facebook ho scoperto che abitiamo quasi vicini. . Oggi glielo anche detto. . Ho un difetto: sono di poche parole e la paura mi fa sembrare che lei stia sulle sue, anche se molto simpatica e gentile… quando vado da lei di cosa potrei parlarle? Aspetto ancora molto prima di invitarla x il caffè? Accetto tue idee e suggerimenti. Grazie Mauro 🙂

          • Prima di invitarla per un caffè, interagisci con lei e vedi come si comporta…se ti sembra ricettiva, va bene, altrimenti continua a integire con lei.

  18. LolloRE92 says:

    Ciao Mauro, è un pò che seguo il tuo sito per migliorarmi nella tecnica e avere nuove idee e riuscire ad ottenere più risultati negli approcci.
    Innanzitutto complimenti, volevo condividere questa “esperienza vissuta”.
    4 giorni fa passando dalla via di casa mia in macchina vedo una bella ragazza che corricchiava venendo verso di me che mi attrae da subito lo sguardo, le passo di fianco e le reggo lo sguardo e lei fa lo stesso, notando nello specchietto retrovisore che (penso si sia anche voltata). e penso apperò. stasera ero sul balcone tranquillo dopo cena a fumarmi una sigaretta con musica nelle orecchie, alzo gli occhi e sulla strada la vedo passare…. OMG! la riconosco e dico “non può essere” sento un fuoco dentro e mi viene la malsana (ma buona) idea di mettermi le scarpe e correre verso di lei per approcciarla! mi prendo tempo di finire la sigaretta e finire il messaggi che stavo scrivendo sul cell… passano 2 minuti circa poi corro in casa scarpe e via nella stessa direzione… corro come Rocky Balboa sperando di incontrarla e provare a dirle “ehy ciao, ti ho vista correre l’altra sera” ma dopo 500m non la trovo ancora… mi fermo, mi sento uno schifo e impreco) poi torno provando un altra strada (non mollo) incredibile ma vero la incontro… (ma nel mio stesso senso di marcia..) stavo camminando a quel punto e rallento iniziando a pensare “purtroppo” (avendo paura di sembrarle molesto visto che aveva le auricolari con musica) mi lascio sorpassare e poi mi fermo. continuo a pensarci (sbagliando) e poi corro ancora per recuperarla… le sto lontano un po.. poi la sorpasso ma sembrando lei “sulle sue e non molto disposta” la passo e non le dico niente. Ed ecco fatto, tanti saluti….. paura 1 io 0.

    Penso di aver avuto la buona intuizione e reazione ma poi sul momento di spiccicare 2 semplici parole, ecco arrivare la paura del giudizio e di creare casini. PARE! game over.

    Mi farebbe molto piacere parlarne con te e avere un tuo riscontro. Grazie e complimenti ancora.

  19. Fabio says:

    Ciao Mauro … Da quando ti seguo ho una visione delle donne leggermente diversa e vedendo i tuoi video poi …sei un mito!!! … Allora il mio problema è che non ho mai conosciuti nessuna ragazza per strada,a volte sono carico e vorrei farlo ma nei fatti mi tiro indietro xD …ho 21 anni e le ragazze con cui sono stato erano sempre conoscenti o rimorchiate su FB … Dal vivo con delle complete sconosciute non so proprio come approcciarmi con loro! Consigli?

    • Grazie Fabio! Comincia da quelle situazioni che ti sembrano più facile per te…magari in un discobar? In biblioteca? Ad una tavola calda? Vedi tu dove ti senti più a tuo agio.

  20. Mario says:

    Cia Mauro ho letto tutto cio che potevo è credo che tu possa darmi un qualche suggerimento. In breve ti dico che sono stato con la stessa donna per 20 bellissimi anni (10 di convivenza+10 di matrimonio) . All’inizio dell’estate Lei decide di chiudere il nostro rapporto lasciandomi in balia di me stesso e di tutto cio che ne consegue.
    Tolto il fatto che la sofferenza è stata ed è tanta rimane in me comunque il desiderio di avere affianco a me una donna da amare con la quale condividere tutte le mie passioni e desideri. Il problema però è che mi sono convinto di non farcela, che non troverò piu la mia lei..insomma paura di non poter piu amare e di non essere amato. Ti chiedo un consiglio e un’opinione..grazie in anticipo

    • Ciao Mario, quello che hai fatto una volta, puoi farlo di nuovo. E’ un dato di fatto.
      A volte ricominciare è dura, ma superata la prima faticosa parte iniziale, il resto è in discesa.

  21. giovanni says:

    ciao scusami posso chiederti una cosa in privato cortesemente?
    se puoi darmi un attimo la tua mail

  22. Matteo says:

    Io in Chat,non ho problemi..il problema è dal vivo! non so cosa dire,cosa fare..mi viene ansia e paura,non riesco a superare questa barriera